Sostenibilità ambientale

Il termovalorizzatore di Piacenza adotta una particolare attenzione nella pianificazione delle proprie attività e ha sempre valutato con attenzione tutti i possibili effetti che l’attività dell’impianto può ripercuotere, anche minimamente, sull’ambiente circostante. Quest’attenzione ha caratterizzato in modo costante la politica industriale, con l’obiettivo strategico di instaurare relazioni positive con la comunità nella quale è inserita.

In questa ottica si è provveduto alla:

  • installazione di un software di gestione completo e integrato di monitoraggio, per valutare in tempo reale l’impatto ambientale sull’esterno
  • installazione di 3 centraline con strumentazione automatica di controllo della qualità dell’aria nella zona limitrofa all’area di Borgoforte.


Così come stabilito dall'AIA dell'impianto, alcune di queste rilevazioni sono disponibili per la consultazione online, mentre altre sono destinate all’esclusivo controllo dell’ARPA.

Il rilevamento delle emissioni è effettuato attraverso un sistema di monitoraggio in continuo installato sull’impianto e associato a una stazione metereologica; così come stabilito dall’AIA, le misurazioni in continuo riguardano:

  • TOC - carbonio organico totale
  • CO - monossido di carbonio
  • NOx - ossidi di azoto
  • SO2 - ossidi di zolfo
  • HCl - acido cloridrico
  • NH3 - ammoniaca
  • polveri totali.


Consulta le emissioni in continuo per il termovalorittarore di Piacenza

I dati registrati sono inviati in tempo reale all’organismo di controllo, l’ARPA (Agenzia Regionale di Prevenzione e Ambiente) di Piacenza. A completamento delle verifiche sulla qualità delle emissioni, trimestralmente vengono effettuate misurazioni per metalli (mercurio, cadmio, piombo e altri metalli pensati), diossine e furani, idrocarburi policiclici aromatici, acido bromidrico, acido fluoridrico, ammoniaca. Attualmente questi valori vengono trasmessi in tempo reale ad ARPA - Sezione di Piacenza. Viene inoltre effettuato con cadenza annuale il controllo dei fumi e l’analisi del rendimento della caldaia utilizzata per il riscaldamento dei locali.

Consulta i prelievi periodici per il termovalorittarore di Piacenza

Il piano di sorveglianza e monitoraggio in tempo reale consente di:

  • determinare direttamente e automaticamente climatologie di breve e lungo periodo a partire da misure meteorologiche rilevate presso l’insediamento
  • elaborare e presentare graficamente sulla cartografia del territorio le ricadute degli inquinanti aeriformi sull’ambiente circostante; elaborare modelli di previsione sulla base di eventi climatologici ed emissivi futuri.


Sottoponendo a un controllo diretto e continuo il 100% delle emissioni ai camini, è così possibile:

  • monitorare in tempo reale le ricadute di inquinanti aeriformi, quindi l’impatto sul territorio circostante in modo da definire concretamente il proprio contributo alla situazione generale dell’inquinamento sul territorio
  • articolare una comunicazione trasparente sulla gestione degli impianti, con rappresentazione grafica, in tempo reale (ogni 10 minuti), delle proprie ricadute di aeriformi inquinanti
  • dialogare con cognizione di causa con gli enti di controllo
  • ottimizzare la gestione delle operazioni di processo, non solo dal punto di vista procedurale, ma anche ambientale.
     

In un’ottica di trasparenza e informazione verso i cittadini e verso gli organi preposti al controllo ambientale, il termovalorizzatore di Piacenza ha inoltre attivato tre centraline per il monitoraggio ambientale direttamente gestite da ARPA e collegate alla sua rete. Due centraline, di tipo fisso, sono localizzate rispettivamente nel vicino quartiere del Capitolo (PC) e nel comune di San Rocco al Porto (LO).

Le centraline sono in grado di misurare i seguenti dati: polveri fini (PM 10), ossidi di azoto e monossido di carbonio. La terza centralina, mobile, consente di effettuare misurazioni su polveri fini, ossidi di azoto e idrocarburi metanici e non. In questo caso le rilevazioni possono essere effettuate nei luoghi ritenuti più opportuni dall’organismo di controllo.

I dati di rilevazione possono essere visulizzati sul sito dell'ARPA.

cosa stai cercando?

https://www.irenambiente.it/iren_ambiente-theme/images